Perchè la tecnica di questo ragazzo è PERFETTA?

Capobranco Allenamento, Faccia a faccia col Capobranco, Tecnica Leave a Comment

Ci sono gesti che sono eleganti ed armoniosi altri invece sono disorganizzati e poco piacevoli alla vista.
Non serve essere esperti, è una sensazione primitiva, certi movimenti sono gradevoli, altri no.
Questo ragazzo è perfetto, ecco perché non si riesce a smettere di guardarlo.

Lapo ha 17 anni, e noi lo chiamiamo: Il Monaco.

Secondo me è un esempio di tecnica perfetta e sono sicuro che anche chi non sa niente di kettlebell o allenamento, resta affascinato dai movimenti di questo ragazzo.

E’ inevitabile ammettere la sua ipnotica eleganza ma adesso concentriamoci sul jerk, sullo slancio, quando spinge gli attrezzi sopra la testa.

SEI TU CHE GESTISCI IL CARICO, OPPURE E’ IL CARICO CHE GESTISCE TE?

Quello che voglio farti notare è la SOLIDITA‘ e la PADRONANZA del gesto!
E’ il Monaco che gestisce il carico, non il carico che gestisce lui!

Non ci sono vibrazioni, non ci sono rotazioni, non ci sono disturbi o traumi. Quando sbatte i talloni e s’infila sotto i kettlebell, questi sono fermi, IMMOBILI!

Il Jerk del Monaco è SOLIDO ma NON RIGIDO! Guarda quanto è rilassato.

IL SEGRETO DEGLI ATLETI ELITE

Per quanto sia giovane, il Monaco ha già capito che il segreto di una performance sana e di alto livello prestativo è l’alternanza di momenti in cui certi distretti corporei si attivano e si rilassano.

Sono attivati solo i muscoli necessari a stazionare in una certa posizione, si contraggono solo quelli necessari per eseguire i movimenti e poi…..totale rilassamento.

Raggiungere questo grado di perfezione tecnica ha due benefici che decanto da anni:

1) SALUTE.
L’atleta non si fa male, può avere una vita sportiva lunga, i suoi schemi motori non sono influenzati dal dolore.

2) PERFORMANCE.
Meno vibrazioni e meno disturbi non vuol solo dire meno stress sui tessuti, vuol dire anche meno contrazioni muscolari che devono stabilizzare l’attrezzo.
Attivare solo i muscoli necessari, solo quando è necessario, fa risparmiare cosi tanta energia da permettere imprese apparentemente impossibili.

Grazie a questo articolo posso riallacciarmi ad un argomento a me caro, un mito che gradirei sfatare.

NON ESISTE UN JERK DA GARA ED UNO DA FITNESS, UN JERK PER LA FORZA, ED UNO PER LA RESISTENZA

Il Jerk è questo, stop.

In pedana per fare le gare, in palestra in un corso, per sollevare il massimo carico possibile o per fare il massimo carico per molte ripetizioni, DEVI FARLO COSI.

Scopi diversi, obiettivi diversi, una sola tecnica corretta!

Se il tuo obiettivo è, non farti male e aumentare la performance, che sia forza o resistenza, devi farlo cosi. Se invece vuoi farti male e/o vuoi sollevare un carico che è inferiore alle tue reali potenzialità, allora puoi farlo in altri modi

Io insegno IL Jerk, ed i risultati, miei e dei miei allievi confermano che sia il modo corretto per eseguirlo.

Se vuoi imparare ad utilizzare i kettlebell per trasformare il tuo corpo, per avere un’arma infallibile con la quale allenare i tuoi clienti, leggi questa pagina e scopri quant’è profonda la tana del Bianconiglio

http://www.kettlebellspecialist.it/formazione/

Intanto ti lascio alla sublime tecnica del Monaco

 

Buon allenamento
Il CapoBranco

PS:

Se vuoi vedere tutorial tecnici, video dimostrativi, recensioni sui kettlebell e molto altro, iscriviti al canale YouTube “Kettlebell Specialist” cliccando su questo link:

https://www.youtube.com/channel/UCL5uo6-NrruGxzNQVmLinxA?view_as=subscriber

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *