Da ZERO a SWING PERFETTO con un solo esercizio!

Capobranco Allenamento, Tecnica Leave a Comment

Se ti è capitato di trovare qualche difficoltà nell’insegnare uno Swing, dimentica quei brutti tempi e preparati a veder eseguire degli swing perfetti alla prima ripetizione, grazie ad un solo esercizio.

Quando ho iniziato ad insegnare l’utilizzo dei kettlebell mi sono trovato di fronte ad un problema:

Le persone avevano una enorme difficoltà ad impararlo!

Mentre altri esercizi risultavano di più facile apprendimento, lo swing è sempre stato un po’ più complesso.

Sia da insegnare, sia , da parte delle persone, da imparare.

Perché le persone trovano più difficoltà ad imparare lo swing rispetto agli altri esercizi?

Le difficoltà che le persone trovano nell’imparare lo swing nascono da diversi fattori.

  1. Non gli è mai stato insegnato lo schema motorio dell’HIP HINGE.

    Questo è forse il problema più grande. Questo movimento apparentemente semplice, è pressoché sconosciuto.
    Spostare indietro il bacino, inclinando il busto, per le persone sembra davvero difficile da fare.
    Probabilmente perché nessuno gli ha mai spiegato l’importanza di questo schema motorio.
    Un altro motivo, potrebbe essere che in caso di mal di schiena (e sappiamo quanto sia dilagante il problema) in passato dagli operatori sanitari consigliavano di avvicinarsi al pavimento mandando avanti le ginocchia, e stando verticali con la schiena.
    Questo ha forse diseducato le persone ad eseguire l’hip hinge.

  2. Le persone fanno sempre meno sport da piccoli

    La sedentarietà di certo non ha aiutato le persone ad avere consapevolezza del proprio corpo, e la sedentarietà giovanile sta distruggendo l’essere umano.

  3. A chi fa sport, non viene insegnato nulla

    Ricordo benissimo il mio passato da calciatore. 13 anni durante i quali mi è stato insegnato solo a prendere a calci un pallone. Non mi sono state insegnate neanche le abilità di base, come correre!
    Forse, penserai che nessuno deve insegnarti a correre, perché viene naturale. Purtroppo non è cosi. E se non è naturale correre, se siamo diseducati anche a questo, immagina quanto bisogno avremmo che qualcuno ci insegnasse tutto il resto. Accosciate, Hip Hinge, spinte e tirate con il giusto impacchettamento delle spalle, estensione dell’anca senza estensione lombare……un sacco di cose che nessuno ci insegna.

  4. Non sono abituati e/o allenati a fare movimenti veloci

    La velocità è un’abilità che va allenata, purtroppo, come fai ad allenare la velocità in un movimento che non conosci nemmeno?! Anche se le persone conoscono o imparano a fare l’hip hinge, non è automatico che riescano a farlo esplosivo se non hanno un back ground sportivo di un certo tipo.
    Anche la velocità quindi come vedremo è un fattore di aumento della difficoltà, che va inserito nel momento giusto

  5. Una visione distorta dell’allenamento e del corpo

    Il retaggio che hanno lasciato gli ultimi decenni di cultura fisica, è una visione distorta del corpo e dell’allenamento, mirato ad isolare muscoli che non possono essere visti come singole unità indipendenti di un meccanismo.
    Questo ha fatto si che le persone iniziassero a pensare a settori, e non a macro aree, a movimenti e non a gesti.
    Chi viene dal body building, dalla sala pesi, è condizionato dai milioni di curl per i bicipiti che ha visto e fatto.

  6. Se afferri qualcosa, lo sollevi col braccio.

    Per ultimo ma non meno importante, il fatto che se afferri qualcosa, se lo stringi con le mani, sei naturalmente portato ad usare il braccio per spostarlo. Restare rilassato col braccio ed utilizzare altri gesti e macro aree per spostare il carico, non è cosi intuitivo

L’unica soluzione possibile

La situazione sembra drammatica ma noi abbiamo la soluzione!

Rieducare il movimento delle persone si può, basta conoscere la progressione che ti sto per spiegare, e capire a che punto di consapevolezza corporea è il tuo cliente per iniziare dal punto più adeguato.

I 3 step di difficoltà

Come ti ho ripetuto più e più volte, ci sono vari gradi di difficoltà.

La cosa più semplice, dalla quale s’inizia di solito, è fare i movimenti lentamente a corpo libero.

Successivamente, quando la persona riesce a fare perfettamente il movimento lentamente, possiamo introdurre un altro fattore di difficoltà, rappresentato dall’esplosività all’interno di una sola ripetizione.

Quindi dovrai, far andare la persona nell’hip hinge, farla fermare e poi chiederle di eseguire il movimento di estensione dell’anca in modo esplosivo. Dovrà poi fermarsi in posizione eretta.

Tutti questi stop gli permettono di riordinare i pensieri, ed avere il tempo di pensare a tutto quello che deve fare.

Permette anche a te di poter impartire tutti gli ordini e gli input che devi dare.

Senza questi stop, ci sarà un caos mentale che sporcherà la tecnica. Non pensare alla tua capacità di gestione del corpo, tu sei un atleta, devi metterti nei panni delle persone.

Ricordati anche che mediamente le persone non sono abituate ad eseguire movimenti veloci ed esplosivi quindi gli serve calma, tempo, ed una scaletta di “cose da fare” ordinata e precisa a livello mentale.

Quando sarà in grado di eseguire questo movimento in modo esplosivo, potremo passare allo step successivo, movimenti esplosivi, con cadenza veloce

In questo caso, la persona dovrà eseguire i movimenti in modo cadenzato. Magari all’inizio, potrà ridurre l’esplosività, per enfatizzare la cadenza, poi in seguito, riuscirà ad abbinare esplosività e cadenza.

In questo video, ti riassumo i vari step facendoti vedere in pratica come svilupparli.

 

Dopo aver insegnato questa progressione, il tuo cliente sarà già quasi pronto per eseguire degli swing perfetti.

Per rendere infallibile la propedeutica manca solo un altro passaggio, che uscirà in un articolo tra pochi giorni qui sul blog.

Intanto metti in pratica questo e fammi sapere com’è andata.

Il CapoBranco

PS:
Se vuoi imparare ad utilizzare i kettlebell nel modo corretto, seguici su YouTube, iscrivendoti al canale Kettlebell Specialist
Clicca sul link qui sotto per iscriverti al canale

https://www.youtube.com/channel/UCL5uo6-NrruGxzNQVmLinxA

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *