Sulle Orme del CapoBranco

Capobranco Altro Leave a Comment

Saper eseguire una tecnica è un requisito indispensabile per un istruttore, ma per potersi definire tale, serve che qualcuno ti abbia insegnato ad insegnare.
Non è cosi intuitivo, lo so, ma un buon praticante non è automaticamente un buon insegnante.
Ecco perché ho ideato questi workshop nei quali imparerai tutto quello che devi sapere riguardo a:
Didattica, comunicazione, esercizi di assistenza ed esercizi correttivi.

Ecco alcune testimonianze direttamente da chi ha partecipato al workshop Sulle Orme del CapoBranco

Intanto se vuoi iscriverti ad uno dei corsi che terrò per la Functional Training School, puoi farlo cliccando su uno di questi due link:

17 e 18 NOVEMBRE, UDINE:
PER ISCRIVERTI CLICCA SU QUESTO LINK ==>>https://goo.gl/forms/Z8vEVo7lep7nFfcO2

1 e 2 DICEMBRE, FIRENZE:
PER ISCRIVERTI CLICCA SU QUESTO LINK ==>>https://goo.gl/forms/TbxHgmyg0q6uE9FG2

Testimonianze:

Nicoletta Landucci

Gentilissimi Francesco e Serena,
per me oggi è stata una giornata estremamente illuminante.

Si può dire che sia stato il mio primo vero approccio ai Kettlebell e non potevo scegliere maestri migliori.

Il modo di esporre di Francesco a me piace moltissimo (prolissa anch’io) però mi piacciono le persone che soprattutto con noi istruttori vivisezionano gli esercizi.

Se faccio qualcosa mi piace sapere perché lo sto facendo.

Ringrazio anche Serena per il supporto che mi ha dato durante la giornata e le sue correzioni puntuali. Per me è stato un inizio… vi ringrazio.

Nicoletta Landucci

Francesco Benevieri

Che dire ti ringrazio di nuovo perché questo workshop. E’ stata per me l’ennesima occasione per apprendere nuove nozioni in particolare sulle progressioni da utilizzare nell’insegnamento e nella costruzione dei movimenti balistici e di press ma è stato anche un ottimo ripasso di tecnica con l’obiettivo di affinarla sempre di più.

Tu e serena come sempre siete stati chiari e diretti al punto nelle spiegazioni di ciò che andava fatto..
La cosa che ho gradito di più e’ stata senza dubbio la presenza di persone della palestra “alle prime armi” con i kettlebell che si sono offerte come “cavie” e ci hanno permesso di fare esperienza pratica testando i sistemi più idonei per impostare un movimento con il kettelebell

Questa è stata a mio parere davvero un’ottima idea !

Sarebbe bello anche un workshop sulle tecniche di gara e il lavoro a 2 kettebell sarei sicuramente presente !
a presto

Michela Ferri

Ciao Francesco,
Preparati che sono una prolissa e a cui piace scrivere.

Il commento l’ho reso già pubblico, è un po’ generale ma è un’ispirazione che arriva dopo il tuo corso perciò è pertinente anche se generica.

Puoi decidere, in ogni caso, di skipparla a piè pari per evitare di sfavarti.

****************************** ***************
Racconto una storia di una Famiglia.

Una Famiglia iTinerante che ovunque mi sposti ingloba volti già noti e volti nuovi,
ma che riesce straordinariamente, sempre a mantenersi nella sua naturalezza e natura quella famiglia che si è rivelata sin dalla prima volta.

Ed è così che in fondo funziona; i “già noti” includono i “nuovi” e si insegna loro come perpetuare la storia all’infinito…

I docenti; i docenti sono i capi-famiglia e ritrovi in ognuno di loro la grande serietà, la grande professionalità, la grande voglia di trasmettere senza lesinare tutto ciò che sanno.

C’è qualcosa di straordinario che ha creato il Capo Famiglia in questo progetto ed è palpabile nell’aria ed ha carattere di piccolo Grande Miracolo.

In questo mondo, o se volete, paese dove la parola meritocrazia è stata direttamente cancellata dai dizionari, in questo mondo dove la parola umiltà viene pronunciata da chi umile non è ma se lo dice da solo forse sperando di raccontarsela e raccontarcela, in questo mondo dove si è perso il senso di unione e di inclusione, in questo mondo dove è più facile odiare sentendosi in competizione piuttosto che aiutarsi e aiutarci a crescere tutti insieme, in questo mondo dove si punta il dito guardando agli errori altrui per non guardarsi allo specchio (e magari ogni tanto anche sputarsi) ecco, in questo mondo si è compiuto un piccolo miracolo.

Un piccolo Grande Miracolo.

Si chiama FTS.

F non sta solo per Functional, ma anche per Famiglia.

Famiglia iTinerante.
Che ovunque tu ti trovi, sai che lì troverai ognuno di noi, nei volti dei “già noti” e nei volti dei “nuovi”.

FTS è uno spirito. Uno spirito che vive in ognuno di noi.

Dicono che quel dì soffiava un vento forte.
Quel dì, gettati i semi con un gran gesto balistico, quello stesso vento forte li sparse per ogni dove.

Ad ogni dove, oggi, se volete, ci troverete tutti lì. I volti “già noti” e quelli “nuovi” ad accoglierti, a spronarti, a incoraggiarti, a sorridere, a farti sentire parte della Famiglia. E così anche tu apprenderai l’arte del perpetuare lo stesso “rito”, ancora ed ancora…

Questa, per me è FTS.

Volevo raccontarvi questa storia perchè in un mondo pieno di piccole personcine che si san mascherare neanche così tanto bene, c’è ancora chi condivide la propria passione con una mano aperta per passare il proprio sapere agli altri e l’altra pronta ad accogliere, a spronare a includere.

Grazie, FTS.

***************************

Ora, del corso in sè e di quella che fu la prima bozza della storia che volevo raccontare…

Nel novembre del 2017 feci il 1mo livello Kb con Guido.

Sono una body builder e da lì venivo.

Guido nel suo corso di kb non fa solo quello ma anche una bella infarinatura di “funzionale”.
Fu nell’eseguire un esercizio e nel constatare quanto fossi legata che subii lo shock che mi porto progressivamente a intraprendere la mia nuova attuale strada.

Per fartela breve, è successo di nuovo con te.

Mi sono sentita una merda, e ci sta, ma nel contempo ho acquisito input per me importantissimi. E non solo a livello tecnico, specifico dei gesti vari visti ma proprio a livello “funzionale”, proprio come successe con quel primo corso di cui prima.

È complesso, tutto tremendamente complesso e affascinante allo stesso tempo.
Non è impossibile che tu possa trovarmi a qualche altro primo livello di kb e che troverai ancora una Michela down che non sarà in grado di eseguire gli esercizi appropriatamente.

Sono sempre stata un diesel. Gnucca e down all’inizio, ma ci proverò sempremente e quantunquamente.

È davvero inestimabile il valore di quello che ci hai dato oggi. Come sempre, ad ogni corso è probabile che del 100% di ciò che ci hai dato resti un 10% di nozione acquisita.
Tanti gesti e tanti input nuovi.
Ma questo io credo tu lo sappia…

Sei un grande, e anche questo tu lo sai.

Mi domando, visto che sai tutto # perchècazzocichiediifiddbeccck ?

Btw, grazie ancora e alla prossima!!

\m/
Michela Ferri

Marco Brondolin

Sulle orme del CapoBranco ,
bellissima giornata dove il caldo non ci ha fermato, la loro passione di aiutarci a imparare o riorganizzare le idee sul kettlebell  è fortissima , in giro se ne sente di tutti i colori ma … La verità ce la dice solo uno! Forza CapoBranco!

Bianca Bercea

Ciao Francesco ,

I doverosi complimenti, sono stati già detti, anche perché sono totalmente istintivi e sinceri.

Continuando su questa via, la mia esperienza con Kettlebell inizio tanti anni  fa (un fai da me) ovviamente, poi negli anni ho cercato di capire sempre più “Dai ben istruiti ” ma senza essere coinvolta/invogliata ad approfondire…lo si faceva perché era importante per Me è per quello che è la mia passione /lavoro.

Ecco,qui entri in gioco Tu…
Porca miseria Francesco…..Non riuscivo capacitarmi di quello che riuscì trasmettere (seppur colorato il tuo linguaggio) in pochi minuti con il tuo entusiasmo e conoscenza Mi Hai Travolto totalmente.

Credo anche che questo Workshop non è per tutti e da tutti….!(senza peccare di presunzione) però potrebbe essere un inizio per potersi mettere in gioco personalmente, perché è quello che tu hai trasmesso a me.

In conclusione, SIETE FANTISTICI (tu e Serena) complici e professionali. Mi porterò questa esperienza come una delle più FORTI e RICCA di dettagli che io abbia mai fatto .

Grazie .
Buon Lavoro

Luca Parisi

Ciao,

ecco il mio feedback sul corso.

La valutazione è: molto positiva.
Concetti/movimenti difficili spiegati in modo semplice ed inequivocabile.
Geniale l’utilizzo delle ‘cavie umane’ per rendere efficace la parte di corso riguardante il teaching.

A presto

Luca Parisi

Francesco Molfese

Caro Capobranco,

Il mio feedback su questo workshop non può che essere estremamente positivo.

La quantità di informazioni che sei stato in grado di trasmettere è stata enorme, il tutto accompagnato da estrema professionalità e voglia di insegnare. Complimenti !

Fantastica anche l’idea delle “cavie umane” … ha permesso di finalizzare e rafforzare tutto quello imparato durante la giornata. Grazie ai tuoi giusti accorgimenti, che ci hai consigliato di seguire per rendere efficace l’insegnamento, sarà più semplice fare l’insegnante.

Questo è stato il mio primo evento di formazione con te, ma spero ci siano presto altre occasioni.

Grazie ancora e a presto!

Pietro Morici

È stata un’esperienza davvero illuminante, non saprei in quale altro modo definirla.

Già della prima nozioni date dal Capo branco ho capito di essere nel posto giusto per imparare davvero a usare un attrezzo che mi era semi sconosciuto ma che mi aveva sempre affascinato.

Spero ci sia presto un nuovo corso di kettlebell a Udine!!

E spero di poter tornare in qualche modo nella tana del Capo branco!!!

Grazie per l’opportunità di sabato!

Stefano Greco Lucchino

Caro Francesco Capobranco e Re dei kettlebell,

per prima cosa rinnovo i complimenti per l’intuizione, il coinvolgimento, l’organizzazione e l’alto contenuto tecnico del seminario.
Sposo l’idea di avere degli appuntamenti dedicati e specifici per poter approfondire lo studio dei kettlebell.

Faccio una umile osservazione…forse splittare il tutto in due workshop (swing e clean – push&press e snatch) potrebbe:
-consentirci di praticare e correggere ancora di più movimenti cruciali come la discesa del clean/snatch ad esempio;
-avere ancora più tempo per la parte di insegnamento (soprattutto con le cavie…idea geniale);
-preservare un po’ di più le mani di noi poveri praticanti.

È sempre uno spettacolo vederti con i kettlebel!
Grazie per l’opportunità che ci hai dato e per la passione con cui ci trasmetti la tua immensa conoscenza.

Roberta Bertocco

Ciao Francesco
Sono molto contenta di essere venuta ….soldi spesi bene ….

anche se vederti mi fa sempre un po’ paura perché vuol dire rimettere tutto in discussione in nome di un perfezionismo a cui sei votato …..è questo il tuo bello e lo trasmetti proprio tanto …..
(Pillola rossa giusto ??)

Hai strutturato bene la giornata e poi le cavie   ….che figata …..proprio una cosa innovativa che non ha mai fatto nessuno!!!!
Quindi grazie e spero di ripetere quanto prima

Roberta

Questo workshop verrà riproposto il 12 agosto ma per partecipare devi iscriverti entro le ore 24:00 di domenica 5 agosto.

Contattami a questa mail per iscriverti: kettlebellspecialist@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *