Push Press con kettlebell. Come raddoppiare il massimale.

Capobranco Altro Leave a Comment

Come raddoppiare il massimale di Push Press grazie a 2 consigli pratici e semplici anche se credi di non avere abbastanza forza!

Il Push Press con kettlebell è una delle alzate più sottovalutate e più “malamente eseguite” che ci sia.

In dieci anni di agonismo ed insegnamento nel mondo del kettlebell, ho visto errori di ogni genere ed ho trovato strategie sempre diverse per correggerli.

Per quanto la gamma di errori che ho visto sia davvero vasta, ce ne sono due che secondo me sono quelli che vengono commessi di più e che compromettono maggiormente il successo del Push Press

Manca la forza oppure manca qualcos’altro?

La cosa più triste che vedo in giro, è lo spreco di potenziale.

Vedo ragazzi e ragazze fortissime, che sollevano carichi molto inferiori a quello che realmente potrebbero sollevare.

Certo, sollevano pesante, ma non abbastanza per il loro potenziale.

La colpa non è della mancanza di forza, quindi protocolli di lavoro in questo senso portano scarsissimi risultati.

La tecnica è il vero problema. Il problema è di quello che ci è stato insegnato riguardo al kettlebell da 15 anni a questa parte.

Errori madornali, tecniche sbagliate, hanno distolto lo sguardo delle persone dalla tecnica alla forza, creando mostri rigidi come pezzi di legno, che sollevano pesante ma lasciando a terra almeno un 33% del loro potenziale.

Come aumentare del 33% il massimale del tuo push press

Quest’anno a Rimini Wellness, nello stand della Functional Training School, ho tenuto un tutorial dedicato a questo argomento.

Volevo svelare a più persone possibile il segreto di un Push Press veramente pesante, almeno il 33% più pesante della migliore alzata che un qualsiasi partecipante al tutorial avesse mai fatto! 

tutorial push press

In 40 minuti ho insegnato la corretta rack position, cioè, la piattaforma di collegamento tra arti inferiori e superiori che permette il trasferimento della potenza dal basso verso l’alto.

Ho insegnato la giusta sequenza di spinta, ho insegnato ad incanalare tutta la forza delle gambe sotto il kettlebell, ed abbiamo TUTTI assistito al miracolo.

Una ragazzina di forse 50 kg, è da sollevare malamente un 12kg a sollevarne 20kg, con la sola mia assistenza in stabilizzazione.

Una ragazzo che aveva utilizzato solo kettlebell da 16, ha fatto almeno 5 ripetizioni con 32kg e Federico, un ragazzino magro magro, è passato dagli 8/12kg che aveva utilizzato in palestra ai 20kg del tutorial, facendo più di 10 ripetizioni.

Dopo il tutorial Fede mi ha fermato e mi ha detto che non si sarebbe mai aspettato di sollevare un 20 kg con tanta facilità.

Allora gli ho chiesto una piccola testimonianza per te che segui kettlebell specialist, e per farti capire ancora di più che spesso (quasi sempre) i push press falliscono per una mancanza di tecnica, non per una mancanza di forza.

Federico Volpato

push press kettlebellMi chiamo Federico ho 24 anni vivo in provincia di Venezia e sono un atleta di Functional Training.

Conosco le kettlebell abbastanza bene e faccio qualche allenamento dedicato. In questo weekend sono stato a Rimini Wellness ed ho deciso di iscrivermi ad una lezione mirata, ad un tutorial sull’utilizzo del kettlebell.

Cercavo una lezione interessante ma soprattutto utile raffinare la tecnica ed aumentare il peso senza rischiare di farsi male.

Devo dire di essere più che soddisfatto, perché grazie alla lezione di Francesco Rigoli, abituato ad utilizzare 8/12 kg di peso, ascoltando e mettendo in pratica i dettagli da lui spiegati, a fine lezione senza volerlo mi sono trovato a fare più di una decina di colpi di push press con kettlebell da 20 kg ed ero incredulo.

Ho scoperto nuove nozioni, dall’incastro perfetto della mano all’interno della maniglia del kettlebell, all’appoggio del gomito, non dimenticando la posizione della schiena e delle gambe per la spinta finale.

Sono davvero orgoglioso e soddisfatto del risultato ottenuto, ringrazio alla grande il #capobranco per l’insegnamento e concludo dicendo che nulla è impossibile se lo si vuole, ovviamente utilizzando testa, passione e forza, non dimenticandosi della tecnica di esecuzione degli esercizi.

L’obiettivo perfetto non è la quantità ma la qualità.

…una riflessione a freddo!

Ora,
Pensa questo: se in 40 minuti, sono riuscito a far fare più di 10 push press facili facili con 20kg a Federico che non aveva mai alzato più di 12kg

Se ho fatto fare 5 ripetizioni con 32kg a Nicola, che non aveva mai alzato più di 16 e se ho fatto sollevare 20kg a Serena che non aveva mai alzato più di 12kg e malamente…

Secondo te,
in 2 giorni…. 8 ore al giorno….
in 20 partecipanti e non in 40 come a Rimini,
nella calma di una palestra e non in una fiera

….cosa posso farti fare????

Io dico che non riesci ad immaginartelo!

Di solito, le persone entrano Homo Sapiens ed escono Mutanti stile X-Man!

Se vuoi fare il salto e diventare l’ultimo stadio dell’evoluzione tecnica nel mondo del kettlebell, iscriviti ad una di queste due certificazioni:

Udine 17 e 18 Novembre:
PER ISCRIVERTI CLICCA SU QUESTO LINK ==>>https://goo.gl/forms/Z8vEVo7lep7nFfcO2

Firenze 1 e 2 dicembre:
PER ISCRIVERTI CLICCA SU QUESTO LINK ==>>https://goo.gl/forms/TbxHgmyg0q6uE9FG2

Prenota il tuo posto al più presto, il corso è a numero chiuso per garantire a tutti i partecipanti la qualità massima dell’insegnamento.

A presto
Il CapoBranco

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *